COMUNICATO STAMPA DEL 31 OTTOBRE 2006


La Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo ha approvato il Documento Programmatico Previsionale 2007. Questo documento è il secondo del Piano Triennale 2005-2007.
Le erogazioni sono concentrate in tre settori rilevanti e precisamente:
:

  1. Arte, attività e beni culturali;
  2. Educazione, istruzione e formazione incluso l’acquisto di prodotti editoriali per la scuola;
  3. Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa.

L’importo totale delle erogazioni nei settori rilevanti ed ammessi previsti per il 2008 è di Euro 1.700.000,00.

Il patrimonio della Fondazione è in costante crescita, aumentano le erogazioni e continua la ricerca di graduale diversificazione del patrimonio.

Dopo l’acquisizione della partecipazione in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. lo scorso anno è stata acquisita una partecipazione nella Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana S.p.A. ed acquistato un immobile in Comune di Torre San Patrizio.

Tra i progetti a sostegno delle categorie più deboli è stato previsto un intervento nel Comune di Sant’Elpidio a Mare per la casa di riposo e a Servigliano per una casa di accoglienza per disabili.

E’ stata riconosciuta la centralità dei corsi universitari nella città di Fermo che continueranno ad essere finanziati dalla Fondazione insieme agli altri enti che hanno fino ad oggi collaborato, in vista della istituzione del dipartimento Beni Culturali della facoltà in Scienze dei Beni Culturali.

Continua il sostegno al Conservatorio di Fermo G. B. Pergolesi ed alle manifestazioni culturali, teatrali di eccellenza che caratterizzano del nostro territorio.

E’ previsto il sostegno ad iniziative a favore della identità territoriale con pubblicazioni, mostre ed iniziative culturali.

Prosegue l’attività dell’Osservatorio per lo Sviluppo del Territorio che ha iniziato ad operare nel corso del 2005 e nei primi mesi del 2007 verranno pubblicati i primi risultati.

Il sostegno a favore degli anziani prosegue in collaborazione con la Casa di Riposo Monsignani-Sassatelli di Fermo.

Oltre agli accantonamenti di legge per il volontariato sono previsti interventi a favore delle tante associazioni di volontariato che animano il territorio.

La Fondazione per il Sud a cui ha aderito la Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo entrerà in funzione nel 2007.

In collaborazione con le Sovrintendenze continuerà l’attività di salvaguardia, valorizzazione e conoscenza delle opere d’arte.

I progetti finalizzati nei settori di intervento ammessi dalla legge e che hanno una ricaduta positiva nel territorio di riferimento vanno presentati alla Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo, Via Don Ernesto Ricci n.1 – Tel. 0734/286289.

Il Documento Programmatico Previsionale 2007 ha ottenuto il parere favorevole dell’Assemblea dei Soci che nella seduta del 27 ottobre 2006 ha eletto dieci nuovi soci e nominato il dott. Romano Folicaldi componente dell’Organo d’Indirizzo in sostituzione del geom. Vittorio Traini, divenuto incompatibile a causa della Sua elezione a consigliere comunale della città di Fermo.
I nuovi Soci sono

  1. Benigni cav. lav. dr. ing. Enzo di Roma, azionista di riferimento dell’Elettronica S.p.A. di Roma;
  2. Bove prof. Ciro, di Montegiorgio, dirigente scolastico del Liceo Classico Annibal Caro di Fermo;
  3. Colombo dott.sa Maria Adelaide, domiciliata a Porto San Giorgio, direttore Centro Studi della Polizia di Stato di Fermo in pensione;
  4. De Leo prof. Roberto, di Ancona, professore universitario dell’ Università Politecnica delle Marche, fondatore ed animatore dei corsi universitari fermani;
  5. Giacomozzi sig. Basilio, di Amandola, imprenditore nel settore illuminotecnico;
  6. Perfetti dr. ing. Elio, di Penna San Giovanni, dirigente del Consorzio di Bonifica di Macerata, operatore nel mondo del volontariato;
  7. Petracci dr. Paolo, di Porto San Giorgio, imprenditore agricolo ed operatore turistico;
  8. Pizzuti sig. Marcello, di Montegranaro, imprenditore nel settore calzaturiero;
  9. Valentini p.a. Rodolfo, di Fermo, perito agrario;
  10. Vinci Gigliucci dott. Giulio Cesare, di Fermo, Ambasciatore.

Scarica il comunicato in .doc